Carta di credito, strumento sempre più usato in vacanza

L'Osservatorio CartaSì rileva un incremento significativo dell'utilizzo della carta di credito in vacanza, sia per l'e-commerce che per gli acquisti tradizional

Carta di credito

Lo strumento di pagamento più usato per le vacanze è la carta di credito. L'Osservatorio CartaSì ha esaminato il flusso delle transazioni durante il periodo estivo, che ha raggiunto la cifra record di 6,4 miliardi, scoprendo che pagare con il "rettangolino" va per la maggiore.

L'incremento si registra in diversi settori, anche se spicca la crescita dell'e-commerce: agli acquisti online per le vacanze ammontano al 14% del totale, segnando il + 11,3% rispetto al 2011. La spesa complessiva ha retto benissimo alla crisi, aumentando del 3,5%.

Gli italiani in vacanza non sembrano avere dubbi: dalla prenotazione online di mezzi di trasporto e alberghi, allo shopping nella località di destinazione, tutto si paga con la carta. Le transazioni elettroniche hanno coperto più della metà (51,3%) degli 890 milioni di euro versati dai nostri connazionali fra luglio e agosto per le meritate ferie.

Bene anche il volume degli acquisti con carta effettuati nel nostro Paese dai turisti stranieri in visita. Al primo posto, quelli provenienti dalle economie emergenti di Brasile, Russia, India e Cina, in aumento del 12,6% rispetto all'anno precedente.